Home Notizie News Trasporto sanitario: si consolida la partnership tra Regione Toscana e Associazioni di Volontariato
Trasporto sanitario: si consolida la partnership tra Regione Toscana e Associazioni di Volontariato Stampa E-mail
Scritto da Redazione Toscana   
Giovedì 11 Agosto 2016 13:50
Si consolida la partnership tra Regione Toscana, associazioni di volontariato e Croce Rossa Italiana in tema di trasporto sanitario. Implementazione della defibrillazione precoce per quanto riguarda l'emergenza urgenza, accompagnamento dei pazienti ai servizi oncologici per quanto riguarda il trasporto ordinario: sono solo alcuni dei punti su cui si sta sviluppando questa collaborazione sempre più stretta.

Li ha illustrati stamani, nel corso di una conferenza stampa, l'assessore al diritto alla salute e al welfare Stefania Saccardi, assieme ad Alberto Corsinovi, presidente della Federazione regionale delle Misericordie della Toscana, Attilio Farnesi, presidente dell'Associazione nazionale Pubbliche Assistenze - Comitato regionale toscano, Pasquale Morano, direttore del Comitato regionale della Croce Rossa Italiana.

"Nei mesi passati - dice Stefania Saccardi - si è lavorato con continuità e spirito di collaborazione, nell'ambito della conferenza regionale permanente, all'identificazione delle priorità in tema di sistema dei trasporti sanitari di emergenza urgenza. Ma stiamo lavorando anche a forme di collaborazione che offrano ai cittadini toscani la possibilità di accedere a tipologie di trasporti non garantibili dal SSN. Per consolidare e sostenere tutte queste azioni, che hanno già prodotto importanti risultati, il mio assessorato ha deciso di incrementare il budget annuale, passando dagli 89 milioni del 2015 ad una previsione di budget annuale, per il biennio 2016-2017, di 93 milioni, convinti come siamo che questo rappresenti un presidio necessario in un settore chiave per la qualità del nostro sistema dei servizi".

"Questo accordo non era scontato - osserva Attilio Farnesi - Stiamo vivendo un periodo di tagli, ma l'assessore ha voluto dare un segnale forte. Pubbliche Assistenze, Misericordie e Croce Rossa garantiscono 500 sedi operative sul territorio toscano in maniera capillare, anche in zone dove il soccorso potrebbe diventare difficile. Questo accordo è davvero importante, un passaggio fondamentale".

"Un accordo che ha un valore strategico - sottolinea Alberto Corsinovi, esprimendo la sua soddisfazione - Partendo dalla legge regionale, si è fatta chiarezza sul ruolo del volontariato in questo settore fondamentale. Avere criteri formativi omogenei e attrezzature omogenee semplifica e facilita il nostro intervento. Ed è importante anche l'appropriatezza: dare la migliore assistenza a chi ne ha bisogno, come i malati oncologici e chi è affetto da patologie invalidanti. E' un valore aggiunto che non si trova nelle altre regioni", ha detto ancora Corsinovi, ricordando che nei soccorsi per l'incidente ferroviario di Andria, in Puglia, è stato applicato il modello toscano: 2 ambulanze dopo cinque minuti, 5 ambulanze dopo 12 minuti, il PMA (posto medico avanzato) per il triage dopo 20 minuti.
 
Banner