Home Notizie News 30 mila confratelli provenienti da tutta Italia per l'incontro con Papa Francesco
30 mila confratelli provenienti da tutta Italia per l'incontro con Papa Francesco Stampa E-mail
Scritto da Redazione Toscana   
Martedì 10 Giugno 2014 10:17
Sabato 14 giugno le Misericordie ed i Gruppi donatori di sangue Fratres incontrano Papa Francesco. In piazza San Pietro, a Roma, arriveranno da ogni parte d’Italia 30 mila appartenenti a uno dei maggiori e certamente il più antico movimento di volontariato italiano, che proprio quest’anno celebra i suoi 770 anni.

“Siamo davvero molto grati a Papa Francesco per aver accettato di riceverci – dicono il Presidente Nazionale delle Misericordie, Roberto Trucchi, e quello Nazionale Fratres, Luigi Cardini - consentendoci di conoscerlo di persona e di presentargli i nostri movimenti.”
“‘La misericordia cambia il mondo”, ha detto Papa Francesco nel suo primo Angelus e sempre frequenti – ricorda Trucchi - sono i suoi riferimenti alla misericordia del Signore. Questo, se da un lato ci fa pensare al peso e alla grande responsabilità insiti nel nome stesso del nostro movimento, dall’altro ci riporta alla scelta significativa che i nostri padri hanno fatto 8 secoli fa, dandosi proprio questo nome che è segno di una sconfinata carità, di quell’aiuto cioè, non solo materiale ma anche morale, di cui ancora oggi - e forse oggi più che mai - la nostra società ha bisogno.”
Grande attesa ed entusiasmo anche da parte dei Gruppi donatori di sangue Fratres, che hanno avuto vita dalle Misericordie negli anni ’50 e che parteciperanno all'evento. “Il 14 Giugno viene celebrata la Giornata mondiale del donatore di sangue” – dice il Presidente Cardini – e, per i Gruppi donatori di sangue Fratres, festeggiarla con Papa Francesco è davvero un'occasione irripetibile che riempie i nostri cuori di immensa gioia e commozione.”
Un incontro che giunge a 28 anni esatti da quello con Giovanni Paolo IIil 14 giugno 1986, quando nell’aula “Paolo VI” il Pontefice oggi Santo segnò una svolta nella vita dei movimenti, indicando con chiarezza la via della carità che le Misericordie ed i Gruppi donatori di sangue dovevano far propria: “ecco la consegna che vi affido... siate i promotori e fautori della civiltà dell’amore, siate testimoni infaticabili della cultura della carità”. Queste parole costituirono per le Misericordie ed i Gruppi donatori di sangue Fratres una vera e propria svolta.
Questo 14 giugnole Misericordie torneranno di fronte al Santo Padre per ricevere la benedizione e una nuova indicazione sulla via di solidarietà su cui dirigere i movimenti. Già dalle prime ore del mattino i volontari, provenienti da tutta Italia, confluiranno in piazza San Pietro e la coloreranno di giallo e ciano - come le ‘uniformi’ con cui prestano servizio le Misericordie – e di bianco e rosso – come l’abbigliamento sociale coordinato Fratres. I ‘Governatori’ di ciascuna Misericordia indosseranno invece la veste storica, nera e con il cappuccio che si utilizzava alle origini per rendere anonimi i volontari e dunque totalmente gratuito il dono.
Durante la mattinata si alterneranno canti, preghiere e testimonianze. Attorno alle 12 il momento più emozionante, quando Papa Francesco scenderà nella piazza. A presentargli i movimenti saranno il Presidente Nazionali delle Misericordie, Roberto Trucchi, il Presidente Nazionale Fratres, Luigi Cardini, ed il ‘Correttore’ Nazionale delle Misericordie, Vescovo di Prato, monsignor Franco Agostinelli.

 
Banner