Home Notizie News Contributi per l’acquisto di ambulanze, autoveicoli per attività sanitarie e beni strumentali
Contributi per l’acquisto di ambulanze, autoveicoli per attività sanitarie e beni strumentali Stampa E-mail
Scritto da Redazione Toscana   
Sabato 16 Gennaio 2021 11:02
Contributi per l’acquisto di ambulanze, autoveicoli per attività sanitarie e beni strumentali – anno 2020.
 
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha finalmente pubblicato in data 14 gennaio 2021 l’atteso decreto relativo ai contributi per l’acquisto da parte di organizzazioni di volontariato di ambulanze, autoveicoli per attività sanitarie e beni strumentali per l’anno 2020.
Oltre al decreto vi trasmettiamo quindi, le Linee guida e la modulistica per poter effettuare la domanda di contributo in oggetto.
 

QUANDO E COME PRESENTARE LA DOMANDA DI CONTRIBUTO

La domanda di contributo dovrà essere compilata attraverso l’utilizzo dell’applicativo “DOMANDA DICONTRIBUTO” presente all’interno della piattaforma PrimisWeb (https://www.primisweb.it/). La procedura di compilazione digitalizzata PrimisWeb, sviluppata dalla Confederazione, consente la redazione della domanda in modo guidato, cosicché le associate siano facilitate nella compilazione della richiesta di contributo per l’acquisto di ambulanze, autoveicoli per attività sanitarie e beni strumentali effettuati nell’annualità 2020.
La sezione DOMANDA DI CONTRIBUTO sarà attivata a breve all’interno del programma PrimisWeb e trasmettiamo in allegato la Guida Operativa per l’utilizzo dell’applicativo informatico.
 
ATTENZIONE: coloro che non sono in possesso della password di accesso per PrimisWeb, potranno chiedere il reset password utilizzando il pulsante direttamente su primis web, oppure inviando una mail a o contattando il numero 055/3261279 (l’operazione potrebbe richiedere qualche ora per essere evasa).
 
Una volta compilata la domanda attraverso l’utilizzo del programma (che genera automaticamente la compilazione della richiesta di contributo sulla base della modulistica predisposta dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) dovrà essere stampata, datata, firmata e timbrata dal legale rappresentante e dovrà essere inviata in cartaceo entro e non oltre il 31 gennaio 2021 alla Confederazione Nazionale (non al Ministero), che in quanto Rete associativa nazionale si farà carico di curare non soltanto la raccolta, ma anche l’assistenza ed il controllo della documentazione prodotta dalle proprie aderenti.

ATTENZIONE: La richiesta di contributo cartacea deve essere inviata al nostro indirizzo (via dello Steccuto 38/40 – 50141 Firenze) a mezzo raccomandata A/R entro e non oltre il 31 gennaio prossimo (fa fede il timbro di invio apposto dall’ufficio postale), con un unico plico indicante la dicitura “DOMANDA DI CONTRIBUTO ANNUALE D.M. 16/11/2017 – ANNO 2020”. In alternativa la richiesta di contributo potrà essere inviata, via PEC entro e non oltre il 31 gennaio 2021 alla Confederazione Nazionale all’indirizzo  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .
In relazione a tale scelta si raccomanda di prendere in seria considerazione le eventuali limitazioni tecniche relative all’utilizzo della posta certificata, che potrebbero generare problemi sia in sede di invio che di ricezione della stessa. Per tale motivazione si chiede di voler privilegiare l’utilizzo della raccomandata A/R.

Si precisa che cadendo il 31 gennaio di domenica l’invio della richiesta di contributo è considerato valido anche se effettuato entro il 1 febbraio 2021 in quanto, per espressa previsione di legge, se il giorno di scadenza è festivo la scadenza è prorogata di diritto al primo giorno seguente non festivo.
 

COSA PRESENTARE
 
Alla Confederazione dovrà essere inviata la domanda di contributo firmata e timbrata dal legale rappresentante corredata sia degli allegati sia di tutti i documenti espressamente richiesti dalle Linee guida e dalla modulistica ministeriale.
Nello stesso plico il Ministero richiede che, oltre alla domanda di contributo ed i relativi ALLEGATI, venga inviata la documentazione comprovante il pagamento (quietanze delle fatture di acquisto, delle rate di finanziamento o dei canoni di leasing o di noleggio a lungo termine con opzione di acquisto finale). Laddove il pagamento, al momento della presentazione della domanda, sia già stato effettuato è necessario inviare o la fattura con la dicitura “pagato” con timbro e firma del fornitore (nei soli casi di acquisti per importi fini a € 1.999,00), oppure la documentazione comprovante il pagamento quali copia del bonifico con cui la banca certifica l’effettivo addebito del pagamento sul conto corrente, estratto conto bancario etc. nei casi di acquisti per importi superiori € 2.000,00 (sul punto, vedere all’interno delle linee guida le tipologie di quietanze di pagamento ammesse).
 
ATTENZIONE: Nel caso in cui, al momento della presentazione della domanda, non sia stato possibile fornire la documentazione comprovante il pagamento, l’associazione deve comunque inviare le fatture (insieme agli altri documenti previsti) entro il 31/1/2021, e procedere alla trasmissione delle quietanze – ad integrazione della domanda- entro e non oltre il termine del 31 marzo 2021 (indicare sul plico relativo alle integrazioni la dicitura “INTEGRAZIONE DOMANDA DI CONTRIBUTO ANNUALE D.M. 16/11/2017 – anno 2020).
 
Su tutta la documentazione inviata ad integrazione della domanda di contributo, oltre il 31/01/2021 e comunque non oltre il 31/03/2021, (quali ad esempio quietanze di pagamento, libretti di circolazione e certificati di proprietà non presenti alla data di invio della domanda) dovrà essere apposta sul retro di ciascun documento inviato la dichiarazione di conformità all’originale ai sensi del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 datata, firmata e timbrata dal legalerappresentante.
 
SI RACCOMANDA DI EFFETTUARE COMUNQUE UNA LETTURA APPROFONDITA SIA DELLELINEE GUIDA MINISTERIALI SIA DELLA MODULISTICA, POICHÈ QUESTE OFFRONO TUTTE LE INDICAZIONI PER UNA CORRETTA COMPILAZIONE DELLA RICHIESTA DI CONTRIBUTO E SI RICHIEDE QUINDI DI ALLEGARE SCRUPOLOSAMENTE QUANTO RICHIESTO DAL MINISTERO.
 

ULTERIORI PRECISAZIONI
 
Si ricorda che:
  • Non è possibile richiedere il contributo sull’acquisto di ambulanze se si è già usufruito della riduzione pari all’aliquota IVA direttamente dalfornitore;
  • I beni oggetto del contributo non possono essere ceduti né destinati ad attività diverse per 5 anni, salvo autorizzazione del Ministero e solo in favore di altre associazioni divolontariato.
 
Come già anticipato, la Confederazione assicura ogni possibile assistenza e supporto alle proprie Associate per eventuali dubbi nonché per la corretta compilazione della modulistica e la raccolta della documentazione necessaria.



Per ogni necessità potrete contattare i nostri uffici centrali ai seguenti recapiti:

 
Un fraterno saluto.
 

     Il Direttore
Gianluca Staderini
 
Banner