Home
Misericordie della Toscana
La Giornata dei giovani del Servizio Civile: la testimonianza di un giovane che ha partecipato Stampa E-mail
News
Scritto da Redazione Toscana   
Venerdì 01 Giugno 2018 11:30
Quando, verso i primi di Maggio, mi fu proposto di andare a Roma non ho avuto alcun dubbio: in quanto svolgo il Servizio Civile Nazionale, spinto da una grande curiosità e desideroso di vivere da protagonista questa esperienza, ho detto sì! Senza esitare minimamente.

All’interno dei tre giorni dedicati all’Assemblea Nazionale, appuntamento annuale delle Misericordie d’Italia, si è svolta la Giornata Nazionale dei Giovani di G.eMMe e Servizio Civile, che ha visto la partecipazione di una nutrita rappresentanza di ragazzi (circa 700) provenienti da tutte le regioni e anch’essi, come me, impegnati nell’ambito dello stesso Servizio Civile.

Torno dalla capitale con un bagaglio arricchito di entusiasmo, consapevolezza e cultura: queste sono per me le parole chiave di questo fine settimana.
L’entusiasmo è ciò che mi ha accompagnato fin dall’arrivo nella sede ufficiale dell’Assemblea, il Divino Amore – Casa del Pellegrino, reso ancora più forte dalle rinnovate passione ed energia profuse dai tanti giovani presenti. Consapevolezza e cultura, in questo caso, sono strettamente correlate tra loro.

Riflettendo anche sull’esperienza maturata nei mesi precedenti, nelle 72 ore romane ho consolidato sempre più la mia già forte convinzione riguardo alle opere di importanza vitale che le Misericordie svolgono al servizio della comunità. In un periodo storico in cui la nostra società attraversa un momento difficile sotto molti punti di vista, il mondo delle Misericordie, con i progetti da esse portati avanti, rappresenta un simbolo di speranza, una fonte di rinascita, o più semplicemente il credere in un futuro migliore dove i giovani, ma anche meno giovani, siano i veri protagonisti.
Cultura significa constatare una volta di più – attraverso la voce dei tanti addetti ai lavori intervenuti nell’occasione - come siano numerose, e tutte egualmente importanti, le figure in divisa giallo-ciano che ogni giorno si prodigano per muoversi al fianco dei più bisognosi, per rendere più saldi quei principi di fratellanza e solidarietà, nonché i valori cardini delle Misericordie respirati a pieni polmoni in questi tre giorni di Assemblea.

Ringraziando calorosamente chi mi ha permesso di partecipare a questo evento intenso e passionale, mi sento di gridare con gioia: Viva le Misericordie! Viva il Servizio Civile!

C.P.
 
L'attività delle Misericordie della Toscana nei primi sei mesi del 2018 Stampa E-mail
News
Scritto da Redazione Toscana   
Giovedì 24 Maggio 2018 13:07
Nei primi sei mesi del 2018 sono state tante le attività della Federazione e delle Misericordie toscane in settori già consolidati e in altre iniziative nate in nuovi settori di intervento che rispecchiano oggi la molteplicità di situazioni e sfide proposte continuamente dalla società.
Qui di seguito un breve riepilogo, non certo esaustivo, di quanto realizzato  fino ad oggi.
 
A febbraio, a Pistoia, è stato inaugurato il nuovo Centro Coordinamento dell’Area Emergenze Nazionale e Area Emergenze Toscana che riunisce in un’unica sede sia la sala operativa nazionale che quella regionale. La nuova struttura, che permetterà di gestire più agevolmente ogni tipo di evento, ha una superficie di 700 metri quadrati disposti su 2 piani ed è stata ristrutturata appositamente con criteri antisismici e dotata di tutta la strumentazione più evoluta e di sistemi che la rendano funzionante e autosufficiente anche situazioni di emergenza (Gruppo elettrogeno, connessione in fibra e sistema di sicurezza satellitare, ecc.).

A Capannori invece è stato inaugurato il Polo Logistico Regionale di Federazione a supporto di tutte le Misericordie della Toscana.

Continua l’impegno delle Misericordie della Toscana nella formazione e nella cardioprotezione.
La Federazione ha regalato al Seminario Maggiore di Firenze un defibrillatore di ultima generazione dotato di tecnologie innovative tra cui la geo-localizzazione integrata e la possibilità di essere supportati nell’utilizzo e nella manutenzione del dispositivo.  I Formatori delle Misericordie toscane hanno poi effettuato un corso di formazione BLSD ad un gruppo di seminaristi.

Nel mese di maggio grande mobilitazione delle Misericordie che hanno garantito il servizio a grandi eventi come l’incontro a Roma tra Papa Francesco ed i Neocatecumenali, in occasione del quale le Misericordie hanno garantito per la prima volta safety e security, e le visite del Papa in Toscana a Loppiano e Nomadelfia. A giugno invece le Misericordie hanno garantito l’assistenza sanitaria all’Ippodromo del Visarno in occasione del concerto dei Radiohead che ha riunito circa 50 mila persone e del Firenze Rocks Festival che in quattro giorni ha raggiunto oltre 190 mila presenze.

Le Misericordie della Toscana hanno messo a punto, insieme all’Associazione Culturale Preludio di Firenze, il progetto “Il primo passo”, progetto di sensibilizzazione per il disturbo da Gioco d'Azzardo.  Il progetto, presentato a Campi il 19 maggio scorso, prevede l’attivazione presso alcune Misericordie su territori ‘pilota’ (Agliana, Campi Bisenzio, Lido di Camaiore) di sportelli di primo ascolto sul tema della dipendenza da gioco e potrà poi essere esteso a tutte le Misericordie toscane previa apposita formazione dei confratelli coinvolti ed in accordo con i Serd locali. Recentemente anche la Misericordia di Pisa ha aperto uno sportello che si aggiunge agli altri già attivi.

In una località della Toscana le Misericordie hanno realizzato e messo a disposizione delle Forze dell’Ordine la prima casa giallo-ciano per l’ascolto video-registrato in modalità protetta dei minori e delle persone vittime di violenza.

Anche quest’anno varie Misericordie si sono iscritte al Campionato di Calcio a Cinque organizzato da Federazione e vinto dallaMisericordia di Montemurlo che ha battuto 6-2 la Misericordia di Certaldo.

Per aiutare le Misericordie ad adeguarsi al Nuovo Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali (General Data Protection Regulation) la Federazione ha inviato una circolare a tutte le Misericordie della Toscana allegando un questionario per poter rilevare il maggior numero di dati e fornire così il supporto più adeguato. Sono inoltre in programmazione una serie di incontri su tutti i territori

Per quanto riguarda la Toscana, la Federazione ha recepito l’accordo della Confederazione Nazionale per la gestione dei servizi di trasporto per rimpatri sanitari urgenti.

Dopo l’incontro con Monsignor Giovanni Peragine, vescovo titolare di Fenice e amministratore apostolico dell’Albania meridionale, prosegue il progetto per la nascita di una Misericordia a Elbasan.

Pausa estiva per il progetto “Don Simone on the road” che dall’inizio dell’anno ha visto don Simone Imperiosi, Correttore delle Misericordie toscane, incontrare tanti confratelli e consorelle presso le loro Misericordie condividendo con loro un turno di servizio. 

Come sempre le vacanze di servizio offrono la possibilità di svolgere una vacanza nel segno della solidarietà nelle località più belle della Toscana grazie alla disponibilità di alcune Misericordie che nel periodo estivo ospitano confratelli provenienti da altre Confraternite. Tutte le informazioni su www.misericordietoscana.it

 
 
 
 
 
Regolamento europeo sulla Privacy Stampa E-mail
News
Scritto da Redazione Toscana   
Giovedì 24 Maggio 2018 10:00
Il 25 maggio 2018 entrerà in vigore il Nuovo Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali (General Data Protection Regulation). In attesa del decreto di adeguamento da parte dello Stato italiano, la Federazione ha inviato una circolare a tutte le Misericordie della Toscana allegando un questionario per poter fornire il supporto più adeguato alle necessità delle Misericordie.

Sempre per questo motivo saranno programmati una serie di incontri su tutti i territori cominciando da una riunione con tutti i coordinatori prevista per giovedì 31 maggio alle ore 18.00 presso gli Uffici di Pistoia – Via Nazario Sauro, 291.

E’ stato inoltre attivato un indirizzo di posta elettronica dedicato: a cui le Misericordie interessate possono rivolgersi per inoltrare il questionario, debitamente compilato e corredato della relativa documentazione, e per tutte le altre richieste inerenti tale materia.

questionario

circolare 
 
“Il primo passo” contro il gioco d’azzardo Stampa E-mail
News
Scritto da Redazione Toscana   
Sabato 19 Maggio 2018 12:56
 
In Toscana, secondo i dati rilevati dall’Osservatorio della Regione sulla dipendenza da gioco, il numero delle diagnosi per questo tipo di patologia è aumentato di cinque volte in soli sei anni. Il problema della dipendenza da gioco, con vincite o perdite in denaro, è sempre più diffuso e sentito dalla popolazione per l’impatto spesso devastante che ha sugli individui anche più fragili e sulle famiglie, ma solo poche persone ancora chiedono aiuto. Nella provincia di Firenze, secondo una recente ricerca dell’Università, i giocatori patologici sono oltre 6 mila, con una spesa media annua procapite di 1600 euro (2mila calcolando solo i maggiorenni), ma le richieste di trattamento nelle strutture pubbliche sono solo 216.

Consapevoli della gravità del fenomeno e proprio per facilitare la prima richiesta di aiuto, le Misericordie della Toscana, da sempre punto di riferimento per le comunità grazie anche alla loro presenza capillare sul territorio, hanno messo a punto, insieme all’Associazione Culturale Preludio di Firenze, il progetto “Il primo passo”, che è stato presentato stamani a Campi Bisenzio.
Il progetto prevede l’attivazione presso alcune Misericordie su territori ‘pilota’ (Agliana, Campi Bisenzio, Lido di Camaiore e Pisa) di sportelli di primo ascolto sul tema della dipendenza da gioco e potrà poi essere esteso a tutte le Misericordie toscane, che sono 310, previa apposita formazione dei confratelli coinvolti ed in accordo con i Serd locali.

“Il primo passo – spiega il presidente delle Misericordie della Toscana, Alberto Corsinovi – vuol essere uno spazio, all'interno delle Misericordie, di accoglienza e ascolto dove i nostri volontari si metteranno a disposizione della cittadinanza per fornire informazioni di tipo preliminare sul tema del gioco d'azzardo. Si tratta di un luogo in cui trovare interlocutori adeguatamente preparati, in grado di accogliere, ascoltare, comprendere, sostenere e fornire informazioni di tipo preventivo e di riduzione dei rischi connessi al gioco, nel quale sia possibile riflettere sui fenomeni ad esso legati, prendere consapevolezza delle dinamiche compulsive, verificare le forme più idonee future di trattamento, facilitando poi l’invio a strutture pubbliche. L’attività necessita quindi di una stretta collaborazione e di un raccordo continuo con i servizi territoriali, individuando un riferimento pubblico con cui collaborare.”

"Il progetto ‘Il primo passo’ dedicato al disturbo da gioco d'azzardo – aggiunge la dott.ssa Emanuela Laquidara, psicoterapeuta sistemico-relazionale responsabile del progetto per l'associazione Preludio - nasce da una sinergia tra la nostra associazione e le Misericordie della Toscana, con lo scopo di prendere in considerazione quello che rappresenta uno dei momenti più significativi e drammaticamente genuini: la richiesta d’aiuto. In tal senso ha preso corpo l’idea di uno spazio che rappresenta un luogo reale e simbolico definibile come ‘spazio di accoglienza’, rivolto alla cittadinanza, dedicato all'informazione e alla sensibilizzazione all'interno dei presidi delle Misericordie. E questo rappresenta il primo dei tanti passi da percorrere che si colloca tra il chiedere aiuto e il decidere di chiedere aiuto, differenza probabilmente difficile da cogliere per chi non si trova a vivere un percorso simile. Due momenti connessi, precisi e distinti, dai quali dipenderà gran parte del cammino che i protagonisti di questa dipendenza potranno intraprendere valutando le forme più idonee di trattamento. Ma questo è già un secondo passo.”
 
 
Seminario a Pistoia sul metodo Sismax nel sistema regionale dell'emergenza Stampa E-mail
News
Scritto da Redazione Toscana   
Lunedì 14 Maggio 2018 15:35
Martedì 22 maggio a Pistoia, presso l'Ospedale S.Jacopo, si terrà il seminario “ Il metodo Sismax nel sistema regionale dell’Emergenza”.

L’evento ha come obiettivo quello di informare i professionisti che nel sistema sanitario Toscano sono, a vario titolo, coinvolti nella gestione dei maxieventi. Partendo dalla definizione della rete dei rapporti e dalla descrizione delle funzioni di tutti gli attori coinvolti – Protezione Civile, Sistema Sanitario e Volontariato – si descrivono i nuovi modelli di intervento.

programma e iscrizione
 
Festa del Volontariato alla Misericordia di Staggia Senese Stampa E-mail
News dalle Misericordie
Scritto da Redazione Toscana   
Martedì 22 Maggio 2018 09:01
Dal 25 al 27 maggio 2018 la Misericordia di Staggia Senese celebra la “14° Festa del Volontariato”, con la partecipazione dell’intera cittadinanza e Associazioni del Volontariato toscane.
La festa, patrocinata dal Comune di Poggibonsi, inizierà venerdì alle ore 19,30 con una grande cena di pesce a prenotazione e ballo e Karaoke, con il “DJ Andrew Vinile anni ’80”.

Le principali iniziative si concentreranno domenica 27 maggio con il seguente programma:
-ore 10,00 Accoglienza dei partecipanti presso l'area feste di Staggia Senese in Via del Pollaiolo
-ore 11,30 incontro con le Autorità, e le Associazioni per dibattere sul tema Dall’Ospedale di San Michele di Staggia, all’Emporio della Solidarietà di Poggibonsi. La Misericordia di Staggia Senese e la sua costante azione di supporto a chi è più debole.
- Santa Messa al campo celebrata dal Correttore Don Stefano Bimbi e pranzo delle Associazioni ed ospiti partecipanti.
-Nel pomeriggio alle ore 16,30 merenda per gli alunni della Scuola Elementare, ed intrattenimento sul tema Staggia la sua storia e le sue storie (leggende, tradizioni,usanze locali), quindi passeggiata in visita ai luoghi di interesse storico e paesaggistico del paese.
-ore 19,30 cena presso lo stand della festa.
-ore 21,30 spettacolo comico con il Katia Beni Show.
 
"Associazioni in radio" aperte le iscrizioni sul sito Cesvot Stampa E-mail
News
Scritto da Redazione Toscana   
Martedì 15 Maggio 2018 13:16
Sono aperte le iscrizioni al servizio “Associazioni in radio”, il servizio Cesvot di comunicazione e promozione radiofonica pensato per le associazioni di volontariato della Toscana.

Il servizio offre ogni anno a 40 associazioni di volontariato uno spazio radiofonico gratuito di 4 minuti, attraverso cui promuovere iniziative, progetti, attività o anche solo presentare la propria associazione. Le 40 associazioni selezionate verranno contattate da un giornalista radiofonico che registrerà una breve intervista telefonica. La registrazione sarà quindi trasmessa nella rubrica “Associazioni in radio” in onda ogni settimana su Radio Toscana, Controradio, Novaradio, Punto Radio Cascina e Contatto Radio. Per ogni associazione intervistata sarà inoltre disponibile sul sito Cesvot la registrazione della trasmissione in file mp3.

Vista la disponibilità limitata del servizio, le associazioni saranno selezionate in base all'ordine di arrivo delle domande di partecipazione ed è garantita la precedenza alle associazioni che non ne abbiano mai usufruito prima. Inoltre per accedere al servizio le associazioni dovranno rispettare i seguenti criteri:
•    essere un’associazione aderente Cesvot;
•    operare in uno dei seguenti ambiti tematici: Vecchie e nuove povertà, Profughi e migranti, Dipendenze, Cultura di genere e pari opportunità, Attività sportive di carattere sociale, Salute mentale e disabilità, Ambiente e tutela del territorio.
•    aver realizzato, nell’ultimo anno, almeno un progetto, attività o iniziativa in uno degli ambiti indicati.

Per partecipare è necessario compilare il modulo online, previa registrazione all'area riservata MyCesvot, entro martedì 5 giugno 2018.

Qui il link per partecipare: https://www.cesvot.it/promuovere-unassociazione/servizio-associazioni-radio
 
A San Vincenzo convegno sulla Protezione Civile Stampa E-mail
News
Scritto da Redazione Toscana   
Lunedì 14 Maggio 2018 14:58

La Misericordia di San Vincenzo, in collaborazione con Federazione delle Misericordie della Toscana, ha organizzato una conferenza che avrà come tema il nuovo codice di Protezione Civile.
 
All'incontro, che si terrà domenica 3 giugno 2018 al Teatro Verdi di San Vincenzo, parteciperanno personaggi di spicco della Protezione Civile tra cui Fabrizio Curcio - Consigliere della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che spiegherà la nuova normativa. 

Per problemi legati all’organizzazione  del convegno e del pranzo, curato dalla cucina della Misericordia di Rapolano Terme, è necessario prenotare entro e non oltre  il 20 p.v. inviando una mail a .


programma
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 14

Banner