Codice Allerta Meteo
LegendaIdraulico codice VerdeTemporali codice GialloIdrogeologico codice Giallo
NEve codice VerdeGhiaccio codice VerdeVento codice VerdeMareggiate codice Verde

Newsletter

Le newsletter delle Misericordie della Toscana

Chi è online

 34 visitatori online
Banner
Home
Misericordie della Toscana
“Il primo passo” contro il gioco d’azzardo Stampa E-mail
News
Scritto da Redazione Toscana   
Sabato 19 Maggio 2018 12:56
 
In Toscana, secondo i dati rilevati dall’Osservatorio della Regione sulla dipendenza da gioco, il numero delle diagnosi per questo tipo di patologia è aumentato di cinque volte in soli sei anni. Il problema della dipendenza da gioco, con vincite o perdite in denaro, è sempre più diffuso e sentito dalla popolazione per l’impatto spesso devastante che ha sugli individui anche più fragili e sulle famiglie, ma solo poche persone ancora chiedono aiuto. Nella provincia di Firenze, secondo una recente ricerca dell’Università, i giocatori patologici sono oltre 6 mila, con una spesa media annua procapite di 1600 euro (2mila calcolando solo i maggiorenni), ma le richieste di trattamento nelle strutture pubbliche sono solo 216.

Consapevoli della gravità del fenomeno e proprio per facilitare la prima richiesta di aiuto, le Misericordie della Toscana, da sempre punto di riferimento per le comunità grazie anche alla loro presenza capillare sul territorio, hanno messo a punto, insieme all’Associazione Culturale Preludio di Firenze, il progetto “Il primo passo”, che è stato presentato stamani a Campi Bisenzio.
Il progetto prevede l’attivazione presso alcune Misericordie su territori ‘pilota’ (Agliana, Campi Bisenzio, Lido di Camaiore e Pisa) di sportelli di primo ascolto sul tema della dipendenza da gioco e potrà poi essere esteso a tutte le Misericordie toscane, che sono 310, previa apposita formazione dei confratelli coinvolti ed in accordo con i Serd locali.

“Il primo passo – spiega il presidente delle Misericordie della Toscana, Alberto Corsinovi – vuol essere uno spazio, all'interno delle Misericordie, di accoglienza e ascolto dove i nostri volontari si metteranno a disposizione della cittadinanza per fornire informazioni di tipo preliminare sul tema del gioco d'azzardo. Si tratta di un luogo in cui trovare interlocutori adeguatamente preparati, in grado di accogliere, ascoltare, comprendere, sostenere e fornire informazioni di tipo preventivo e di riduzione dei rischi connessi al gioco, nel quale sia possibile riflettere sui fenomeni ad esso legati, prendere consapevolezza delle dinamiche compulsive, verificare le forme più idonee future di trattamento, facilitando poi l’invio a strutture pubbliche. L’attività necessita quindi di una stretta collaborazione e di un raccordo continuo con i servizi territoriali, individuando un riferimento pubblico con cui collaborare.”

"Il progetto ‘Il primo passo’ dedicato al disturbo da gioco d'azzardo – aggiunge la dott.ssa Emanuela Laquidara, psicoterapeuta sistemico-relazionale responsabile del progetto per l'associazione Preludio - nasce da una sinergia tra la nostra associazione e le Misericordie della Toscana, con lo scopo di prendere in considerazione quello che rappresenta uno dei momenti più significativi e drammaticamente genuini: la richiesta d’aiuto. In tal senso ha preso corpo l’idea di uno spazio che rappresenta un luogo reale e simbolico definibile come ‘spazio di accoglienza’, rivolto alla cittadinanza, dedicato all'informazione e alla sensibilizzazione all'interno dei presidi delle Misericordie. E questo rappresenta il primo dei tanti passi da percorrere che si colloca tra il chiedere aiuto e il decidere di chiedere aiuto, differenza probabilmente difficile da cogliere per chi non si trova a vivere un percorso simile. Due momenti connessi, precisi e distinti, dai quali dipenderà gran parte del cammino che i protagonisti di questa dipendenza potranno intraprendere valutando le forme più idonee di trattamento. Ma questo è già un secondo passo.”
 
 
"Associazioni in radio" aperte le iscrizioni sul sito Cesvot Stampa E-mail
News
Scritto da Redazione Toscana   
Martedì 15 Maggio 2018 13:16
Sono aperte le iscrizioni al servizio “Associazioni in radio”, il servizio Cesvot di comunicazione e promozione radiofonica pensato per le associazioni di volontariato della Toscana.

Il servizio offre ogni anno a 40 associazioni di volontariato uno spazio radiofonico gratuito di 4 minuti, attraverso cui promuovere iniziative, progetti, attività o anche solo presentare la propria associazione. Le 40 associazioni selezionate verranno contattate da un giornalista radiofonico che registrerà una breve intervista telefonica. La registrazione sarà quindi trasmessa nella rubrica “Associazioni in radio” in onda ogni settimana su Radio Toscana, Controradio, Novaradio, Punto Radio Cascina e Contatto Radio. Per ogni associazione intervistata sarà inoltre disponibile sul sito Cesvot la registrazione della trasmissione in file mp3.

Vista la disponibilità limitata del servizio, le associazioni saranno selezionate in base all'ordine di arrivo delle domande di partecipazione ed è garantita la precedenza alle associazioni che non ne abbiano mai usufruito prima. Inoltre per accedere al servizio le associazioni dovranno rispettare i seguenti criteri:
•    essere un’associazione aderente Cesvot;
•    operare in uno dei seguenti ambiti tematici: Vecchie e nuove povertà, Profughi e migranti, Dipendenze, Cultura di genere e pari opportunità, Attività sportive di carattere sociale, Salute mentale e disabilità, Ambiente e tutela del territorio.
•    aver realizzato, nell’ultimo anno, almeno un progetto, attività o iniziativa in uno degli ambiti indicati.

Per partecipare è necessario compilare il modulo online, previa registrazione all'area riservata MyCesvot, entro martedì 5 giugno 2018.

Qui il link per partecipare: https://www.cesvot.it/promuovere-unassociazione/servizio-associazioni-radio
 
Seminario a Pistoia sul metodo Sismax nel sistema regionale dell'emergenza Stampa E-mail
News
Scritto da Redazione Toscana   
Lunedì 14 Maggio 2018 15:35
Martedì 22 maggio a Pistoia, presso l'Ospedale S.Jacopo, si terrà il seminario “ Il metodo Sismax nel sistema regionale dell’Emergenza”.

L’evento ha come obiettivo quello di informare i professionisti che nel sistema sanitario Toscano sono, a vario titolo, coinvolti nella gestione dei maxieventi. Partendo dalla definizione della rete dei rapporti e dalla descrizione delle funzioni di tutti gli attori coinvolti – Protezione Civile, Sistema Sanitario e Volontariato – si descrivono i nuovi modelli di intervento.

programma e iscrizione
 
G.eMMe Day 2018 Stampa E-mail
News
Scritto da Redazione Toscana   
Venerdì 11 Maggio 2018 15:08

In occasione dell'Assemblea Nazionale delle Misericordie, convocata a Roma il 26 maggio, si terrà il G.eMMe Day 2018 che vedrà riuniti i giovani dei gruppi G.eMMe provenienti da tutte le Misericordie d'Italia.


circolare

scheda di prenotazione ragazzi 
 
"Saline Vola" parte il progetto della Misericordia Stampa E-mail
News dalle Misericordie
Scritto da Redazione Toscana   
Venerdì 11 Maggio 2018 11:39
“Saline Vola” è il titolo del progetto ideato dai giovani della Misericordia e dalla Parrocchia di Saline di Volterra (PI).
Le due realtà hanno voluto porre la loro particolare attenzione al mondo degli adolescenti, nella fascia di età dai 14 ai 18 anni.

Il primo incontro, tenutosi domenica 6 maggio nella sede operativa della Misericordia, ha visto la partecipazione di oltre venti ragazzi del paese.
Riscoprire la relazione umana e la bellezza dell’aiutare il prossimo sono tra gli obbiettivi finali dell’iniziativa.

Spesso viviamo con indifferenza il tema giovanile, dobbiamo imparare a “volare oltre le barriere create” dagli stereotipi comuni.
Come insegnano gli studiosi, l’adolescenza è una fase della vita dell’uomo delicata, in cui si solidificano la nostra personalità e il nostro essere nel mondo: queste saranno le nostre due aree di lavoro su cui cercheremo di operare, aprendo una finestra sul mondo del volontariato. “Nessuno è mai diventato povero per aver dato”, così scriveva la celebre Anna Frank.

Il primo incontro si è aperto con la proiezione de “Il circo della Farfalla”, lungometraggio del 2009 di Joshua Weigel. I ragazzi sono stati molto colpiti dal video motivazionale, un input di speranza che vuole trasformarsi in azione nel settore sociale giovanile. La serata è proseguita con un apericena e non sono mancati tornei di biliardino e balli di gruppo. Un incontro che vuole essere il primo di tanti altri: ascoltando i giovani e le loro esigenze, vogliamo creare qualcosa che possa essere utile al bene del prossimo e della nostra comunità.
 
A San Vincenzo convegno sulla Protezione Civile Stampa E-mail
News
Scritto da Redazione Toscana   
Lunedì 14 Maggio 2018 14:58

La Misericordia di San Vincenzo, in collaborazione con Federazione delle Misericordie della Toscana, ha organizzato una conferenza che avrà come tema il nuovo codice di Protezione Civile.
 
All'incontro, che si terrà domenica 3 giugno 2018 al Teatro Verdi di San Vincenzo, parteciperanno personaggi di spicco della Protezione Civile tra cui Fabrizio Curcio - Consigliere della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che spiegherà la nuova normativa. 

Per problemi legati all’organizzazione  del convegno e del pranzo, curato dalla cucina della Misericordia di Rapolano Terme, è necessario prenotare entro e non oltre  il 20 p.v. inviando una mail a .


programma
 
Le Misericordie nel contrasto al gioco di azzardo Stampa E-mail
News
Scritto da Redazione Toscana   
Venerdì 11 Maggio 2018 11:42
In Toscana, secondo i dati rilevati dall’Osservatorio della Regione sulla dipendenza da gioco, il numero delle diagnosi per questo tipo di patologia è aumentato di cinque volte in soli sei anni. Dati più precisi sono attesi dalla ricerca dell’Istituto superiore di sanità, ma è certo che il problema della dipendenza da gioco, collegato alla vincita o perdita in denaro, è sempre più diffuso e sentito dalla popolazione per l’impatto spesso devastante che ha sugli individui anche più fragili e sulle famiglie.
 
Proprio per questo le Misericordie della Toscana, insieme all’Associazione culturale Preludio di Firenze, hanno messo a punto il progetto “Il primo passo”, che vedrà la nascita presso alcune Misericordie di sportelli di primo ascolto sul tema della dipendenza da gioco. Un progetto che potrà poi essere esteso a ognuna delle oltre 300 Misericordie della Toscana.
 
Il progetto ‘Il primo passo’ verrà presentato la mattina di sabato 19 Maggio, a partire dalle ore 10, nei locali dell’oratorio don Bosco (via San Lorenzo) di Campi Bisenzio (Firenze). All’incontro interverranno, tra gli altri, la presidente di Preludio, avvocato Chiara Sambaldi, la Consigliera di presidenza delle Misericordie d’Italia, avvocato Monica Brogi e il presidente della Federazione regionale delle Misericordie della Toscana, avvocato Alberto Corsinovi.

Questo il programma della giornata:

Saluti di apertura ad Autorità ed intervenuti
a cura del referenti della Misericordia di Campi e di Federazione
Il disturbo del gioco d'azzardo in Toscana: analisi del fenomeno nel territorio toscano
a cura della prof.ssa Franca Tani
Costruire ponti: l'Associazione Preludio e la sinergia con la Federazione Regionale delle Misericordie della Toscana
a cura della presidente di Preludio avv. Chiara Sambaldi
Creare reti e connessioni: la prospettiva del SERD
a cura del referente SERD dell'area territoriale coinvolta
Il primo passo: il progetto di sensibilizzazione sul disturbo da gioco d'azzardo e lo sportello "Il Primo Passo"
a cura della dott.ssa Emanuela Laquidara
Sostenere le persone in difficoltà: l'amministrazione di sostegno
a cura del Consigliere di Presidenza Nazionale avv. Monica Brogi
 
L’inaugurazione della nuova sede della Misericordia di San Mauro a Signa Stampa E-mail
News dalle Misericordie
Scritto da Redazione Toscana   
Mercoledì 02 Maggio 2018 12:06
Il primo Maggio, giorno, come da tradizione, dedicato alla festa dei lavoratori, ha rivestito un significato importante per la comunità di San Mauro A Signa: c’è stato il tanto atteso taglio del nastro della nuova sede della Misericordia di fronte alla presenza di buona parte della cittadinanza e dei numerosi confratelli e consorelle delle Misericordie toscane.

Alberto Corsinovi, presidente della Federazione Regionale Misericordie della Toscana, così è intervenuto nell’ambito della nascita della nuova struttura: “Nel 1244 evidentemente non si pensava che nel corso dei secoli questa Associazione di carità e solidarietà avrebbe dato vita ad una realtà talmente imponente, le 800 sedi delle Misericordie italiane, comprese le 400 sedi delle Misericordie della Toscana, molte delle quali si sono riunite per festeggiare insieme alla consorella di San Mauro la nuova sede”.
Corsinovi ha sottolineato i valori principali da sempre tipici della Misericordia e ben presenti dietro a questo evento: “E’una sede di servizio aperta alla comunità così come gratuito è l’impegno dei nostri fratelli e sorelle delle Misericordie. Che cosa sarebbe infatti la sede se noi, durante la celebrazione eucaristica, non avessimo accolto dodici nuovi fratelli e sorelle di Misericordia, coloro che continuano questo impegno che nel corso dei secoli ha tracciato la nostra storia, fatta di esempi fulgidi e luminosi come quello di Don Armido Pollai che, evidentemente, ebbe l’intuizione di creare una presenza significativa di amore cristiano e solidarietà. Questo, a distanza di secoli, è ciò che contraddistingue l’impegno delle Misericordie e ci fa essere così attuali e, consentitemelo, così amati dalle nostre comunità di cui le Misericordie sono un’espressione viva. Questo sono le Misericordie!”

Dall’ intervento del presidente Corsinovi possiamo renderci conto di ciò che di importante è successo ieri e che può riassumersi con una sola parola: SOLIDARIETA’. Solidarietà attestata da quella parola semplice e magica che si legge sul frontone dell’edificio appena inaugurato: “Misericordia”. Che non è poca cosa in un mondo in cui si è inondati da notizie relative a fatti frutto della cattiveria e della violenza degli uomini: guerre, terrorismo, delitti di ogni specie.
L’evento di ieri, oltre a tutto il resto, serve a conservare o a far nascere la speranza di un mondo migliore che è alla base di ogni azione funzionale all’affermarsi del tipo di società che rispecchi i valori di carità e solidarietà.
 
Cristiano Pennisi
 
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 14

Banner